Assicurano di aver visto un chupacabra a Tampico

Fonte : Staff HOYTamaulipas

Gli abitanti della città El Pueblo chiamavano il servizio di emengenza, lo 066 per avere aiuto in seguito all'avvistamento nella zona di un animale peloso che cammiva su due zampe.

14/06/2007 Messico

Tampico, Tamaulipas.-I componenti del distaccamento della Policía Metropolitana di questa zona sono stati mobilitati nella mattinata di giovedì, dopo che i residenti della città di El Pueblo hanno richiesto il loro intervento affermando che un animale vagava tra le loro case, identificandolo come un "chupacabras".

I primi rapporti indicano che nella mattinata nel Centro di Comando Cómputo Control y Comunicaciones ( in italiano Centro di Comando, calcolo, controllo e comunicazione) siano state ricevute delle telefonate in cui gli abitanti della sopracitata città, affermavano di aver visto un animale peloso camminare su due zampe.

La descrizione data dagli abitanti, che hanno parlato con il servizio di emergenza, corrisponde ad un animale ricoperto di peli che emetteva strani suoni.

In seguito alle denunce i componenti della Policía Metropolitana si recarono in un monte situato di fianco al viale Cuahtémoc e della via Guadalupe, dove presumibilmente era stato avvistato il "chupacabras".

E' possibile dare risalto al fatto che dopo la perlustrazione della zona, i componenti di questo corpo di polizia non hanno trovato l'animale che, secondo gli abitanti della zona, lasciava impronte a quattro polpastrelli.

Questo fatto è accaduto otto ore prima che il presidente Felipe Calderón facesse una serie di visite a scopo lavorativo nel sud di Tamaulipas.

Fonte.hoytamaulipas.net

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo