La medusa

Caravaggio, Medusa

Dipinto del 1592-1600 circa, Galleria degli Uffizi, Firenze

Medusa la sorella sovrana è una delle figlie di Forco(divinità del mare ),e di Ceto( divinità dell'oceano) nella mitologia greca, l'unica delle tre figlie ad essere mortale.Le altre sorelle sono Steno ed Euriale, tre belle ragazze o tre orribili mostri a seconda delle leggende.

Le tre sorelle sono chiamate Gorgoni.

Secondo la leggenda Poseidone si inamorò di Medusa e la portò con sè nel tempio di Atena dove la dea si vendicò trasformando i capelli della ragazza in serpenti ed i suoi occhi avrebbero trasformato in pietra chiunque li avesse guardati.

Medusa fu uccisa da Perseo, che protesse il suo sguardo con uno scudo su cui si rifletteva la figura di Medusa, e si avvicinò alle tre sorelle addormentate decapitandola con un colpo di falce.

Dalla testa decapitata di Medusa nacque il mitologico Pegaso e Crisaore.

Pegaso secondo la leggenda potrebbe essere nato dal sangue di Medusa oppure essere fuoriuscito direttamente dal collo reciso di Medusa. La dea Atena utilizzò la testa di Medusa al centro del proprio scudo per pietrificare i suoi nemici, in quanto la testa pietrificava comunque chi la guardava anche se priva del resto del corpo.

Di seguito un immagine di un bassorilievo conservato al museo archeologico di Palermo in cui Perseo decapita Medusa.

EURIALE

Euriale la sorella errante era immortale come sua sorella Steno, aveva serpenti invece di capelli, occhi che tramutavano in pietra chiunque li guardasse, zanne di cinghiale al posto dei denti, ali d'oro e mani di bronzo.

STENO

Steno, la sorella violenta,presentava le stesse caratteristiche fisiche di Euriale.

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo