Popowaba

Una ricostruzione di popobawa qui di seguito:

A Zanzibar, in Tanzania, si narra che un mostro o un demone, denominato Popobawa dalla popolazione locale, abusi sessualmente delle sue vittime, uomini o donne, si narra che la sua presenza sia segnalata da un odore acre nell'aria accompagnato da alcuni sbuffi di fumo.

Popobawa paralizza e poi stupra le sue vittime nei loro letti.

Il nome dell'essere, Popobawa, deriva da dialetti locali e descrive l'aspetto dell'essere: un enorme pipistrello con grandi ali e un solo occhio, però viene anche descritto come un nano, sempre con un occhio solo, orecchie a punta e talloni appuntiti.

Le prime testimonianze di violenze da parte di questo essere risalgono al 1972 sull'isola di Pemba, la più piccola isola della zona, in quel periodo il presidente di Zanzibar fu assassinato e il Popobawa apparve numerose volte prima e dopo l'evento.

In seguito ritroviamo il Popobawa nuovamente a Zanzibar negli anni '80, nel 2000 e infine nel 2001 sempre in concomitanza a fatti di importanza notevole per il paese, in questi periodi ci furono elezioni politiche controverse.

L'apparizione di questo essere combacia con la presenza di Ufo o luci nel cielo e come per il Chupacabras e il Mothman si ipotizza un legame della creatura con gli alieni.

Potrebbe il Popobawa essere un alieno?

Come si spiegano le ferite e le contusioni riportate dalle sue vittime?

Nessuno ha una risposta perche' molte persone, tra cui studiosi del campo, ritengono il Popobawa un essere mitologico, una credenza popolare.

La vita per gli abitanti di Zanzibar è molto condizionata da questa creatura, talvolta gli uomini dormono lungo le strade tenendosi per mano pur di non dormire nei loro letti per paura di subire violenza da parte del Popobawa.

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo