Tatzelwurm, il drago delle Alpi

Il drago delle alpi chiamato tatzelwurm e'paragonato ad un drago, a una lucertola di grosse dimensioni oppure ad un serpente molto grande provvisto di zampe.

La pelle della creatura e' descritta come liscia e ricoperta di scaglie, gli occhi sono grandi e ricordano lo sguardo dei gatti, particolare spesso messo in evidenza dai testimoni ma che nelle illustrazioni di questo essere non ritroviamo.

Segnalazioni sul tatzelwurm:

- 1779 a Salisburgo Huns Fuchs Ŕ colpito da un infarto mortale in seguito l'incontro con una creatura rettiloide di grosse dimensioni, un tatzelwurm?

-1800 Francia un rettile di grosse dimensioni viene avvistato.

-1908 Austria, Murau, un animale con quattro zampe di circa 50 cm, piu'simile ad un verme aggredisce un cacciatore.

-1921 Austria un altro animale simile al primo avvistato a Murau viene di nuovo scoperto a Rauris.

-1924 scheletro ritrovato da due escursionisti, un drago delle Alpi?Foto qui di seguito.

Nel 1934 qui di seguito un' immagine falsa in cui il fotografo asserisce si aver fotografato un tatzelwurm sul fondo di un lago.

Negli anni dal 1939 al 1992 numerosi avvistamenti di esseri rettiloidi dalla Francia all'Italia si sono susseguite ma non vi sono prove certe dell' esistenza del tatzelwurm, il drago delle Alpi.

Articolo scritto da Chupa webmaster

Vedi inoltre

-Le altre strane creature italiane

-Jakob Scheuchzer e i draghi volanti delle Alpi di Francesco Lamendola Fino alla prima metÓ del Settecento, il "secolo dei lumi", le Alpi erano considerate il regno di ogni sorta di draghi e animali favolosi e non solo nell'immaginario popolare dei valligiani, ma anche da parte di insigni studiosi...continua QUI

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrÓ pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo