I bambini selvaggi nel mondo

Bambini selvaggi


Foresta
Foto di Free-Photos da Pixabay

Nel mondo sono numerosi, difficili da conteggiare  i casi conosciuti di neonati, bambini ed adolescenti allevati da animali selvatici o cresciuti da soli nella foresta, dovrebbero essere circa un centinaio.

Alcuni casi possono essere notizie false oppure non vi sono prove reali dell'evento. 

Il famoso libro di Rudyard Kipling "Mowgli il libro della giungla" da cui sono stati tratti spunti per creare film e cartoni animati narra proprio di Mowgli un bambino cresciuto da un branco di lupi nella giungla dopo aver perso i genitori. 

Vi è una sindrome che racchiude questo fenomeno di isolamento sociale con animali di altre specie che si chiama "sindrome di Mowgli". 

Denominati enfants sauvages "bambini selvaggi" o "bambini ferini" dal greco feralis, feroce nei film riescono quasi sempre ad adattarsi alla vita normale imparando a parlare un'abilità che viene perduta se si tratta di bimbi non troppo piccoli o addirittura abilità che non viene appresa affatto se si tratta di neonati.

Nella realtà la difficoltà da superare è enorme e non sempre la parola viene acquisita correttamente anche la postura scorretta della deambulazione a carponi come un canide ad esempio deve essere estirpata e sostituita con la postura corretta in quanto l'isolamento dalla comunità causa disturbi comportamentali, stesso discorso l'espletazione dei bisogni corporali e l'igiene del corpo.

Gli enfants sauvages si nutrono di radici, bacche, di carogne e uccidono animali per nutrirsi e devono imparare a nutrirsi in un modo completamente differente.

Il reinserimento nella nostra società è difficoltoso ma comunque possibile. 

I bambini selvaggi sono talvolta bambini che hanno subito un abbandono da parte dei genitori o di chi ne faceva le veci in quel momento, talvolta sono vittime di abusi e maltrattamenti.

Di seguito alcuni casi famosi di bambini, uomini e donne selvaggi sia veri che falsi e nella mitologia.

 Il primo bambino-lupo in Germania. 

-Il primo caso di un bambino lupo risale al 1344 dove fu portato al principe d'Assia in Germania un bimbo di circa dieci anni trovato da alcuni cacciatori cresciuto dai lupi.

Tarzan

  -Tarzan è un' altra famosa icona dei romanzi e del cinema, si tratta di un uomo cresciuto nella giungla in grado di parlare con gli animali e di chiamarli a sé con un urlo particolare, ma è un opera di fantasia che prende spunto dai racconti sul tema bambini selvaggi. 

Romolo e Remo

 -Romolo e Remo hanno origini italiane e sono due fratelli gemelli romani che la mitologia vede come figli di dei, sono due bambini di sangue reale figli di uno stupro abbandonati in una cesta in un fiume da due schiavi. 

Furono trovati d'apprima da una lupa in una secca del fiume in cui erano stati abbandonati, che li allattó ed in seguito furono amorevolmente accolti in casa da un contadino che li allevò. 

Romolo secondo la mitologia fu il fondatore di Roma dopo aver ucciso il fratello Remo verso la metà dell'VIII secolo a.C.

La leggenda di Romolo e Remo viene definita favola, probabilmente fu creata per glorificare la creazione dell'impero romano ed ha molte sfaccettature ed è ricca di significati.

Su Wikipedia vi è un articolo esaustivo riguardo questa leggenda. 

 Victor il ragazzo selvaggio francese 

 -Victor fu trovato l'8 gennaio dell'800 che aveva circa dodici anni nella foresta di Saint Sernin sur Rance, nel sud della Francia. 

Victor vagava completamente nudo nei boschi, faticosamente la sua posizione era eretta, nel 1978 fu catturato ma fuggì per essere definitivamente preso l'anno dopo in estate da tre cacciatori da cui fuggì nuovamente e passò l'inverno nel bosco. 

Fu catturato definitivamente nel gennaio dell'800 dove il commissario Constant Saint-Estève, affermò che il ragazzo non comunicava in alcun modo ma reagiva al.dolore mugolando. 

Il commissario affermò che prediligeva mangiare patate, noci e castagne, dieta che continuò ad accettare quando fu trasferito nell'orfanotrofio del comune di Saint-Affrique dove tentava continuamente di fuggire riuscendoci più volte. 

Non si sa la storia di Victor antecedente il suo ritrovamento ma aveva vissuto a lungo nei boschi, le cicatrici sul suo corpo erano una prova tangibile, Victor non imparò a parlare, forse era affetto da autismo, inizialmente si credette che fosse sordomuto, non comprendeva il linguaggio umano e morì a Parigi in Francia all'età di quarant'anni.

L'ordine dei cinque sensi era differente da quello delle persone comuni, l'ordine era il seguente: il senso primario l'olfatto, seguito dal gusto, dall'udito, dalla vista e infine dal tatto.

Il dottor Bonaterre studiò il ragazzo esaminando le caratteristiche anche fisiche e notò che le numerose cicatrici sul suo corpo potevano essere state fatte nella vita nei boschi ma una in particolare era una ferita di arma da taglio all'altezza della gola che sembrava compromettere il linguaggio, alcune cicatrici erano ustioni.

Bonaterre dedusse che Victor doveva essere stato vittima di violenze senza però poter affermare se domestiche o durante la sua lunga permanenza in solitaria nella foresta, era un'ipotesi che qualcuno, forse i suoi genitori avessero abbandonato Victor nella foresta dopo aver tentato di ucciderlo.

Morì nel 1828 senza alcun miglioramento cognitivo, non fu mai  in grado di gestire e comprendere le pulsioni sessuali, fu sepolto in una fossa comune completamente dimenticato dall'opinione pubblica. 

 La sua storia fu rappresentata in teatro ed al cinema con il film 'Il ragazzo selvaggio" (1970) di François Truffaut.

Amala e Kamala 


Amala e Kamala

-Il caso più noto risale al 1920 in India dove due bambine di 8 e 12 anni Amala e Kamala vengono trovate dal reverendo Joseph Singh che le preleva dalla foresta dove afferma che le bambine vivevano con un branco di lupi e le porta al suo orfanotrofio. Le due bambine non riusciranno più a reinserirsi in società e continueranno a camminare carponi, correre velocemente a quattro zampe e mangiare carne cruda, dormire rannicchiate di giorno ed ululare la notte. 

La morfologia delle ragazze si era modificata gli arti anteriori si erano allungati come la fisionomia del viso si era modificata con naso schiacciato e mascella sporgente. 

Le due bambine morirono presto Amala dopo un' anno nel 1921 a causa di un'infezione renale, Kamala morì nel 1929 di tubercolosi mentre stava imparando a dire qualche parola, stava lentamente ottenendo una parvenza da donna cercava anche di indossare vestiti.

Questo caso affascinante dopo molti anni sembra però essere una montatura creata per pubblicizzare l'orfanotrofio del reverendo.

 Protetti dai cani randagi.

 Oxana Oleksandrivna  Malaya


Oxana Malaya

Malaya  fu chiusa fuori casa all'età di tre anni nel 1987 dai genitori alcolizzati e disperata cercò calore in un branco di lupi, a otto anni fu salvata da un cacciatore che la vide nel bosco in atteggiamenti da selvaggia, correva a quattro zampe mangiando carne cruda  e la riportò ai genitori che non avevano sporto denuncia per la scomparsa della figlia. Malaya non era fuori pericolo, i genitori la legarono con una catena in giardino in mezzo ai cani della proprietà con cui interagiva guaendo ed abbaiando, dopo quest'ultimo sopruso fu consegnata agli assistenti sociali, ora non è ancora integrata nella società, fino ai 17 anni Malaya si sentiva ancora come un canide con tutti gli atteggiamenti del caso, ad oggi spesso scappa cercando di tornare nel bosco scappando dall'Istituto che la ospita.

 Ivan Mishukov, Russia

 

Ivan Mishukov

-Anno 2000. Ivan Mishukov, russo, fuggì di casa alla tenera età di quattro anni per scappare da soprusi da parte dei genitori trovando sostegno e protezione da un branco di cani randagi.

Quando fu trovato Ivan ringhiava come un cane, camminava carponi ma ha potuto avere un corretto reinserimento in società.

Ivan divenne capobranco di un branco di cani mantenendo però una vita di furti non perdendo quindi la parola acquisita.

 John Sebunya, Uganda 

-John nel 1988 a soli tre anni in Uganda vide il padre uccidere la madre e fuggì solo nei boschi o forse fu abbandonato nella giungla, e per molti anni fu dato per disperso. 

Dopo tre anni una donna notò un bambino in mezzo ad un branco di scimmie, John racconta che era stato accolto dal branco ed allevato come uno di loro, fu difficoltoso catturare il bambino molto selvaggio che era diventato.

 na volta catturato John fu curato perché malato, un serio caso di vermi intestinali di oltre mezzo metro lo affliggeva, riuscì ad inserirsi in società e sviluppò abilità canore notevoli tanto da esibirsi in Gran Bretagna nel 1999 nel coro di bambini "Pearl of Africa ".

Bambino orso In Lituania


orso

In Lituania nel 1663 fu catturato un bambino che era già stato avvistato in compagnia di un orso. Fu portato in Polonia ma il bambino continuò a comportarsi da orso.

 Bimbo di tre anni salvato da un orso?

 -Casey, un bambino di tre anni il 29 gennaio 2019 scompare dal giardino della nonna allontanandosi durante il gioco con degli altri bambini da Ernul. 

Di Casey non si hanno tracce per due giorni ma si mobilitano centinaia di persone, tra cui organi importanti come  l'FBI, cercandolo nei boschi del North Carolina accompagnati da sommozzatori e squadre cinofile temendo il peggio, il bambino risultava vestito con abiti leggeri non adatti alla stagione invernale.

Il bambino è stato ritrovato illeso dopo due giorni, con temperature polari sotto lo zero di notte, in quei due giorni ha piovuto e tirato vento, condizioni che potevano provocare la morte del bambino che era inoltre senza cibo ed acqua.

Un mistero la salute non compromessa del bambino treenne il quale ha raccontato più volte che lo ha riscaldato un orso, che è diventato suo amico nella foresta ritrovato in un cespuglio che chiamava la mamma da un'escursionista.

I bambini si sa, hanno molta fantasia e la versione dei fatti raccontata da Casey potrebbe non corrispondere al vero in quanto non sono state rinvenute impronte di orso nei pressi del luogo del suo ritrovamento ma non è da escludere completamente.

 Bambina allevata da scimmie?

-In India nel 2017 nell'Uttar Predesh una bambina viene trovata mentre interagisce con un branco di scimmie, sporca, violenta, non in grado di usare servizi igienici fu dipinta come la nuova bambina Mowgli.

In seguito ad approfonditi esami la bambina era stata trovata a bordo di una strada ed era stata ittima di violenza domestica, bbandonata dai genitori forse anche a causa dei problemi fisici riscontrati. 

Marcos Rodríguez Pantoja ha vissuto con i lupi. 

-Marcos Rodríguez Pantoja afferma di aver vissuto dodici anni della sua vita a stretto contatto con i lupi riuscendo a farsi accogliere dal branco nelle montagne della Sierra Morena in Spagna, era stato venduto ad un uomo dalla madre che viveva in un casolare sperduto.

In seguito la morte del montanaro che lo accudiva grazie ai suoi insegnamenti poté sopravvivere nutrendosi di bacche funghi e cacciando creando trappole.

La storia di Marcos è comprovata da foto, ora l'uomo è ultra settantenne.

 Memmie la bambina selvaggia

-Memmie è la storia di bambini selvaggi meglio documentata in assoluto.

Marie-Angélique-Memmie le Blanc è il nome completo di questa bambina:La bambina selvaggia della Champagne, La fanciulla di Chalons, La bambina selvaggia di Songy sono i nomi dati alla storia di questa bambina.

Nel Winsconsi una famiglia l'aveva acquistata da una tribù di nativi americani e la portarono a vivere in Francia crescendola come una figlia.

Nel 1721 Memmie aveva nove anni e si trovava in quarantena a causa della peste in Francia e la bambina fuggì di casa nascondendosi nei boschi per oltre dieci anni.

Fu ritrovata a diciannove anni, era ricoperta di lunghi peli e lunghe unghie, si era nutrita di piccoli animali, quindi carne cruda, bacche e radici.

Memmie imparò a leggere e scrivere morì nel 1775 a 63 anni scrivendo una biografia nel 1755.

Il ragazzo gazzella 

 -Jean-Claude Armen,nel 1960,  nel Sahara spagnolo durante un esplorazione nel Sahara spagnolo incontra un ragazzo che si comporta come una gazzella, perfettamente integrato in un branco di gazzelle, lo vede nutrirsi di radici e muoversi come loro, dorme nella posizione di una gazzella.

Il bambino di circa dieci anni sembra perfettamente in grado di capire i segnali del corpo delle gazzelle, con un soggetto anziano il bambino scambia effusioni come leccate e colpi col naso, probabilmente ritiene l'animale la madre.

Armen vede il bambino così sereno e ben ambientato nel branco che decide di non intervenire, osserva il comportamento del bambino e torna nello stesso posto dopo tre anni per ritrovare il bambino cresciuto ma perfettamente a suo agio nel branco.

 Marina Chapman


Marina Chapman

-Marina Chapman oggi ultra sessant'enne afferma di essere stata accolta e cresciuta da un branco di scimmie cappuccine dai quattro ai nove anni nella foresta della Colombia, nutrendosi di frutta, bacche e radici dormendo sugli alberi. Marina fu trovata da un gruppo di cacciatori e non sapeva più esprimersi a parole, probabilmente fu abbandonata intorno ai quattro, cinque anni nella giungla da chi l'aveva rapita alla famiglia.

I cacciatori invece di salvarla la vendettero in cambio di un pappagallo raro in un bordello di una città colombiana.

La ragazzina riuscì a fuggire dal bordello e trovò ospitalità presso una famiglia locale dove la sua funzione era quella di serva, nel 1977 tutta la famiglia si trasferì in Inghilterra dove Marina riuscì a creare una famiglia propria. 

Marina Chapman vive tutt'ora in Inghilterra si è sposata ed ha figli, ha prodotto un libro dove racconta la sua storia " La figlia della giungla".

Il  libro ha dato origine a numerosi dibattiti dove esperti affermano che una convivenza così lunga con le scimmie non è umanamente possibile mentre psicologi affermano che potrebbe trattarsi di una sorta di vita inventata di falsi ricordi in cui la donna si rifugiava per sfuggire ai maltrattamenti subiti da bambina quindi è stata messa in dubbio la veridicità dei fatti raccontati da Marina.

 Sujit Kumar il bambino gallina 

Sujit Kumar fu chiamato "bambino gallina" nelle isole Fiji perché era cresciuto in un pollaio.

Il bambino fu rinchiuso in un pollaio perché aveva un comportamento "strano", la madre si suicidò e suo padre fu assassinato, il nonno in seguito lo tenne ancora rinchiuso nel pollaio.

Sujit Kumar schioccava la lingua, beccava letteralmente il cibo dal pavimento si muoveva come una gallina ciozzando, le unghie erano cresciute come artigli, il suo atteggiamento era aggressivo e si appollaiava su una sedia muovendo le braccia come fossero ali.

Fu rinchiuso in una casa di cura ma tenuto legato al letto a causa della sua violenza dopo vent'anni la signora Elizabeth Clayton, che lo aveva trovato in strada nel 1978, lo prese a vivere con sé, Sujit è tutt'ora in vita.

Bambino  uccello in Russia 

-A Kirovskiy (Volgograd) nel gennaio del 2008 un bambino di sette anni di nome Prava è stato sottratto alla famiglia in cui viveva in un appartamento con numerose gabbie e con molta sporcizia insieme a degli uccelli da voliera.

 Il bambino ha imparato a comportarsi come un volatile, sembra che la madre non gli abbia mai parlato, si muove come un uccello e cinguetta.

Liberato da questa situazione inumana il bambino si esprime solo cinguettando non capisce la lingua madre russa e se si accorge di non essere compreso sbatte le braccia come fossero ali, la madre ha rinunciato all'affidamento, il bambino è destinato ad una struttura di cura.

- Nel 2008 sono sei i casi di bambini selvaggi. 

-In Russia nel 2006 un bambino di nove anni era il capobranco di un gruppo di cani randagi e gatti.

 -In Cambogia una donna di circa 27 anni, dispersa da diciotto anni, è stata trovata nuda nella foresta, ma il padre l'ha riconosciuta, l'aveva data per scomparsa all'età di otto anni.

 -In Africa un altro bambino è stato allevato da un branco di scimmie.

Conclusioni:

Vi sono numerosi casi di bambini allevati da animali oltre cento, vi è il bambino pecora irlandese del 1600, la donna scrofa, bambini cresciuti con e da animali e molti di loro sono tristemente frutto di abbandono di minori e maltrattamenti.

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo