Koala: uno, nessuno o centomila?

di Giuseppe Di Napoli

koala


Presenti nelle campagne pubblicitarie degli enti turistici australiani in tutto il mondo e sull'etichetta di svariati prodotti commerciali, i koala sono diventati l'emblema del continente oceanico. Nel loro paese d'origine, però, questi simpatici marsupiali, stanno vivendo un momento alquanto problematico: la loro sopravvivenza, infatti, è messa in pericolo, in alcune zone del paese, dalla riduzione demografica, mentre in altre, il rischio deriva da un preoccupante sovrappopolamento. Piuttosto vasto, l'habitat del koala si estende lungo il litorale orientale dell'Australia, dallo stato subtropicale del Queensland, attraverso il Nuovo Galles del Sud, giù nel Victoria e attraverso la parte meridionale del Continente. All'interno di questo areale, a causa dello sviluppo urbano e dell'abbattimento delle foreste di eucalipto, che rappresentano l'esclusiva fonte di cibo per questi animaletti dalla dieta vegetariana, zone come Port Macquarie (che si estende a circa trecento chilometri da Sydney), che in passato hanno ospitato i più importanti insediamenti di koala, oggi contano soltanto poche centinaia di esemplari.

 

Nel meridione del Nuovo Galles, il koala è considerato una specie vulnerabile, e una forte riduzione demografica è stata registrata nel Victoria e nel Sud dell'Australia, anche se una serie di programmi di ripopolamento ha attualmente reintegrato le colonie. Secondo l'Indipendent Australian Koala Foundation, di questa specie, che in passato si contava in milioni di esemplari, oggi, dopo la caccia spietata, che dagli anni Venti ha decimato questi animali dall'apprezzata pelliccia, sarebbero rimasti meno di 100 mila individui. Inoltre, nel maggio 2000, questi marsupiali sono stati inseriti a Washington, nella lista americana degli animali da proteggere, in quanto gravemente minacciati dal rischio d'estinzione.

koala1

In alcune zone del Sud dell'Australia, invece, si è rilevato il fenomeno contrario: a Kangaroo Island, per esempio, il numero di animali presenti ha raggiunto un valore compreso fra i 18 e i 30 mila soggetti, creando così una forte competizione per il cibo, che risulta troppo scarso per la popolazione esistente, spingendo, così, le autorità competenti a intraprendere una campagna di sterilizzazione degli animali viventi sull'isola. Alla mancanza di alimenti si aggiunge il flagello degli incendi, che frequentemente si abbatte sul territorio australiano. Qui l'attività di soccorso viene praticata da volontari della zona che, come nel caso di Port Maquarie, spesso organizzano degli ospedali di fortuna. Soltanto in questo modo si riesce ad arginare la riduzione sempre più spinta di questa specie, che ogni giorno, perde esemplari, vittime, l'altro, di cani e automobili.

Fonte: magazine.enel.it

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo