Gli uso, gli ufo sottomarini

Il termine U.S.O sigla che in inglese significa Unidentified Submerged Object o Unidentified Submarine Object, in italiano O.S.N.I oggetto sottomarino o sommerso, non identificato indica un'altra tipologia di UFO.

Gli U.S.O sono descritti come velivoli composti di materiale metallico a forma discoidale, sigariforme o sferica o semplicemente sono descritti come luci, avvistati in mare aperto nelle vicinanze di imbarcazioni dai piloti di aerei o elicotteri, da bagnanti.

Testimoni affermano di aver visto veicoli sconosciuti uscire (splash-up) o entrare nell'acqua(splashdown) e sparire nel cielo, altri testimoni affermano di aver visto sotto il pelo dell'acqua un U.S.O., altri testimoni invece affermano di aver assistito alla formazione di colonne d'acqua alte fino a 300 metri in presenza di mare calmo.

Le dimensioni degli Uso sono svariate e talvolta sono descritti come oggetti di dimensioni notevoli che effettuano manovre a ziz_zag, o comunque impossibili da realizzare da parte dei mezzi conosciuti, non emettono alcun suono e non provocanoonde nell'acqua al loro passaggio talvolta a velocità elevate.

Gli avvistamenti di Uso sono meno frequenti di quelle di Ufo ma non per questo di minore importanza nel campo dell'ufologia che si occupa anche di questi fenomeni con un altro nome: Usologia.

Il 24 novembre 1972 vi è il primo avvistamento di un oggetto sottomarino non identificato identificato da una flotta norvegese nel fiordo di Sogne che fu denominato U.S.O. termine che è giunto fino ai giorni nostri.

Talvolta gli Uso sono stati avvistati anche in laghi e fiumi.

Nel 1978 In Italia nel mare Adriatico vi furono numerosi avvistamenti di Uso.

Cosa possono essere gli Uso?

Gli Uso potrebbero essere veicoli o prototipi di origine militare oppure potrebbero essere di origine aliena, extraterrestre.

Gli Uso potrebbero essere semplicemente dei Sottomarini scambiati da persone insesperte per qualcosa di anomalo?Di seguito l'immagine di un sottomarino.

Approfondimenti:

-Nell'oceano un fenomeno di formazione di bolle d'aria o di gas che risalgono in superficie è un fenomeno abbastanza comune e potrebbe essere la causa di alcuni avvistamenti definiti di Uso.

Una bolla di metano può affondare una nave

Le sue dimensioni devono essere confrontabili con quelle dello scafo

29.10.2003 fonte scienze.it

Una singola bolla di gas è in grado di provocare l'affondamento di una nave?

Secondo un'analisi teorica e sperimentale effettuata da ricercatori della Monash University in Australia, la risposta è affermativa.
Il fondo dell'oceano contiene grandi quantità di idrati di gas metano, cristalli di metano "ghiacciato" circondati da gabbie di molecole d'acqua. Se disturbati, questi idrati possono risalire in superficie sotto forma di bolle di gas, alcune delle quali possono raggiungere dimensioni considerevoli.
Nel Mare del Nord, fra la Gran Bretagna e l'Europa continentale, esistono abbondanti quantità di idrati di metano. In un sito eruttivo di grandi dimensioni noto come Witches Hole (il Buco delle Streghe), al largo della costa di Aberdeen, un'indagine con il sonar ha recentemente scoperto la presenza di un vascello affondato. La causa del naufragio, fino a ora, non era stata determinata. In passato, tuttavia, esperimenti molto semplici avevano mostrato che molte bolle piccole che salgono in superficie sono in grado di affondare un cilindro d'acqua (e probabilmente una nave) provocando un calo di spinta idrostatica.
Ora David May e Joseph Monaghan hanno dimostrato che lo stesso effetto può essere causato anche da una sola bolla molto grande. I ricercatori hanno studiato il problema con un semplice modello bidimensionale. Dopo aver intrappolato acqua fra due pannelli di vetro verticali e aver immesso singole bolle di gas dal fondo, gli scienziati hanno usato una videocamera per osservare l'effetto di una bolla molto grande su un piccolo pezzo di acrilico a forma di carena. Come prevedevano diverse simulazioni teoriche, l'esperimento ha mostrato che la bolla è in grado di affondare la nave se il suo raggio è confrontabile o maggiore delle dimensioni dello scafo. L'affondamento è dovuto al rapido movimento dell'acqua e ai vortici causati dalla bolla. L'analisi è stata presentata in un articolo pubblicato sul numero di settembre 2003 della rivista "American Journal of Physics".

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo