Il mistero di Rennes-le-Château

1299514662

Ogni anno Rennes-le-Château, piccola cittadina è meta turistica per numerosi appassionati di misteri e cacciatori di tesori.

Secondo la leggenda nei dintorni di Rennes-le-Château si troverebbe un Tesoro di enorme valore.

Bérenger Saunière (1852-1917) nel 1885, molto povero, diventa curato di una piccola parrocchia in un piccolo paese con pochi abitanti.

La parrochhia necessita di numerosi lavori di ristrutturazione ed egli cerca il denaro per poter iniziare i lavori ed essii iniziano dall'altare che si rivela cavo ma vengono interrotti immediatamente a causa di un ritrovamento di strani oggetti al suo interno.

Gli oggetti ritrovati sarebbero stati tre cilindri sigilati con all'interno passi del vangelo e parole in una lingua sconosciuta, Saunière li manda dal nipote esperto in traduzione di lingue sacre religiose.

Nelle pergamene vi era riferimento ad un tesoro riferito a tre persone.

I lavori continuano e sotto ad un lastrone vengono ritrovate due scene dipinte in una è ritratto un cavallo che si disseta ed un cavaliere che suona il corno, nell'altra invece è ritratto un bimbo in spalla ad un cavaliere che impugna un bastone da pellegrino.

A quel punto il comportamento di Bérenger Saunière diventa misterioso, egli inizia ad avere comportamenti strani, compie escursioni da solo, si isola sempre di più, inizia a viaggiare e ad aprire conti correnti in vari luoghi, a Budapest ad esempio.

Nel 1986 Bérenger Saunière fa sistemare la facciata esterna della parrocchia, fa costruire un acquedotto.

Egli acquista un lotto di terreno e fa costruire la torre Magdala ed una villa ammobiliata con oggetti molto costosi.

Bérenger Saunière spese una cifra di circa 3 milioni di euro in quel periodo, una cifra veramente enorme per l'epoca e per il ruolo di quella persona.

Bérenger Saunière trovò effettivamente un tesoro di grande valore? Egli poteva mantenne un tenore di vita superiore alle sue possibilità ed il vescovo De Beauséjour lo sospese tramite vie legali dal suo compito in quanto si era accorto dell'incongruenza del tenore di vita di Saunière.

Saunière morì nel 1917.

Secondo alcuni studiosi le ricchezze di Saunière derivavano da vendita di Messe per corrispondenza e da finanziamenti occulti da parte di movimenti filomonarchici dell'epoca oppure vi erano introiti differenti per il parroco?

Tra il 1972 e il 1981 tre documentari nella serie "Chronicle" furono mandati in onda dalla BBC creando molto scalpore e facendo conoscere al mondo la leggenda di Rennes-le-Château.

Non sono giunte a noi prove sufficenti per affermare con sicurezza che un tesoro possa celarsi nei dintorni del casello di Rennes ma spesso manoscritti e documenti giudicati privi di valore assumono altre caratteristiche in seguito al ritrovamento di altri.


I LIBRI

L'or de Rennes

-" L'or de Rennes"scritto da Gérard de Sède nel 1967

Nel libro si narra del ritrovamento di alcune pergamene da parte di Saunière, corredato da alcune testimonianze.

Il Santo Graal

Michael Baigent, Richard Leigh, Henry Lincoln

-"Il Sacro Sangue e il Sacro Graal" titolo originale The Holy Blood and the Holy Grail libro scritto da Richard Leigh, Michael Baigent, Henry Lincoln.

Il libro in Italia si intitola:"Il Santo Graal".

Trama:Se tutto ciò che è scritto nel libro corrisponde al vero, l'intera storia religiosa e politica dell'Occidente è molto diversa da come è stata sempre raccontata. Prendendo avvio da alcuni incredibili indizi ritrovati a Carcassone, centro della Francia meridionale, gli autori danno vita a un'inchiesta storica da cui emerge un quadro quanto mai sconvolgente: Gesù non morì sulla croce, sposò Maria Maddalena - da cui ebbe alcuni figli - e, con la famiglia, si rifugiò in Francia presso una comunità ebraica. I suoi discendenti regnarono con il nome di Merovingi, creando successivamente il Sacro Romano Impero, maestoso disegno di un'Europa finalmente unita. Fallito sul piano politico, questo progetto avrebbe invece continuato a vivere grazie a sette religioso-esoteriche come i Templari, gli Albigesi, i Cavalieri Teutonici, e a società facenti capo a un'organizzazione ancora più misteriosa, il "Priorato di Sion", alla quale sono stati collegati, nel corso dei secoli, alcuni fra i nomi più prestigiosi dell'arte, della scienza e persino della Chiesa cattolica.

-Poteva il Vaticano comprare il silezio del parroco con cospicui compensi in denaro per mantenere segreta questa verità sul Santo Graal?

Il tesoro che arricchì Bérenger Saunière, sempre secondo gli autori, non era di natura materiale ma documentale:

Essi sostennero che il parroco avesse ritrovato documenti che provavano la verità della discendenza di Gesù.

Storicamente troviamo la dinastia del Sang Real, il "Sangue Reale", termine in seguito corrotto in San Greal o più precisamente Santo Graal (qui una spiegazione termine Santo Graal )

Secondo gli scrittori il Santo Graal non è un oggetto ma una linea di sangue della stirpe dei dicendenti di Gesù Cristo ed un organizzazione segreta chiamata Priorato di Sion, fondata da Goffredo di Buglione nel 1099 avrebbe avuto a capo personaggi come Sandro Botticelli, Leonardo da Vinci, Robert Boyle, Isaac Newton, Victor Hugo e Jean Cocteau.

Ecco gli altri libri scritti da Richard Leigh.

Il CODICE DA VINCI

"Il Codice Da Vinci" ed.Mondadori Anno 2003.

Scritto da Dan Brown.

L'autore nel libro afferma che l'organizzazione Priorato di Sion sia vera e la riporterà al centro della scena mondiale, moti punti del libro parlano del Santo Graal e Michael Baigent e Richard Leigh denunceranno Brown per plagio.

Chi era realmente Leonardo Da Vinci? Cosa hanno nascosto per secoli i Templari? Quale chiave dà accesso al segreto del Santo Graal?

E' una tranquilla notte parigina e nulla traspare dalla classica, impenetrabile facciata del museo del Louvre, appoggiato sulla riva del grande Senna. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria: il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala immediatamente scendono, chiudendo fuori il suo inseguitore. L'assassino, rabbioso, non ha ottenuto quello che voleva. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e, disteso sul pavimento, si dispone come l'uomo di Vitruvio, il celeberrimo disegno di Leonardo Da Vinci.
La scena che si presenta agli occhi dei primi soccorritori è agghiacciante: il vecchio disteso sul marmo è riuscito, prima di morire, a scrivere alcuni numeri, poche parole e soltanto un nome: Robert Langdon. Ed è proprio lui, lo studioso di simbologia, scortato dalla polizia sul luogo dell'omicidio, a capire immediatamente che l'anziano storico dell'arte ha lasciato un messaggio oscuro e pericoloso. Di fronte a Langdon si presenta la partita più difficile della sua carriera: giocare a distanza di secoli, e a rischio della propria vita, contro il genio stesso di Leonardo Da Vinci. La scoperta è sconvolgente: il grande pittore rinascimentale proteggeva un distruttivo codice segreto. Con gli enigmi nascosti nei suoi dipinti, con i suoi ingegnosi marchingegni e con la spaventosa forza di una setta segreta che da secoli ha sempre tentato di trasformare la storia dell'umanità.
Laggiù, come un miraggio irraggiungibile, La Gioconda e L'Ultima Cena attendono il nostro geniale e improvvisato detective.?

Il Codice da Vinci, un successo internazionale che sotto forma di romanzo svela molte verità sulla Chiesa, il Santo Graal e la vita di Gesù.

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrà pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo