La teoria del chupacabra interdimensionale

Il primo avvistamento del mitico Chupacabra conosciuto anche come EBA (entitÓ biologica anomala) risale al 1975 a Puerto Rico.
Sono stati segnalati avvistamenti e aggressioni in Messico, Guatemala, Ecuador, Costa Rica e coste della Florida.
Il nome CHUPACABRA tradotto letteralmente significa "succhia capre"e ha attirato l'attenzione di ufologi, biologi e criptozoologi .
Questo essere sembrerebbe dotato di un'appendice in grado di penetrare nei tessuti e nelle ossa delle vittime iniettando una sostanza che impedisce il rigor mortis(rigiditÓ cadaverica)nelle vittime.
Praticando tre fori triangolari all'altezza della giugulare e servendosi di quest'ipotetica appendice il chupacabra dissangua la vittima cauterizzando la ferita all'istante, asportando anche organi interni e parti di materiale biologico, il sangue delle vittime stranamente non coagula.
La piu' frequente descrizione e' quella di un essere che si muove con postura eretta ma leggermente curvo, che procede a balzi lasciando impronte a tre polpastrelli, con arti allungati terminanti in tre dita artigliate, viso appuntito e lungo con occhi rossi e allungati, due fori al posto delle narici, piccole orecchie appuntite e presenza di squame anch'esse appuntite come quelle dei coccodrilli sul dorso e sul capo oppure c'e'chi dice sia invece ricoperto di peli ispidi e lunghi sul corpo.
Queste "squame" sarebbero fatte vibrare dall'essere e produrrebbero un suono particolare, ascoltato dai testimoni in concomitanza con l'emissione di un odore sgradevole.

L'articolo "Chupacabra mito o realtÓ"continua QUI

Alcuni studiosi ed appassionati hanno avanzato l'ipotesi che il chupacabra sia un essere interdimensionale come le creature del piccolo popolo, come le fate ad esempio, che vivrebbero in un mondo parallelo al nostro o comunque non della nostra dimensione e che utilizzano delle porte dimensionali attraverso le quali possono "entrare" nella nostra dimensione e quindi spostarsi da un mondo all'altro.

Il chupacabra come altre creature sconosciute all'uomo potrebbe utilizzare queste porte dimensionali per "entare" nella nostra dimensione e ci˛ spiegherebbe gli attacchi improvvisi e la scomparsa altrettanto improvvisa della creatura misteriosa.

Questa teoria potrebbe spiegare la presenza di una creatura che opera nello stesso modo in diverse parti del mondo senza mai farsi catturare e senza farsi vedere troppo di frequente, una creatura che potrebbe essere dotata di intelligenza in grado di spostarsi utilizzando delle porte dimensionali senza lasciare traccia del suo passaggio.

Nel periodo che va dall'anno 2002-2003 numerose mutilazioni di bestiame interessarono l'Argentina e un immagine scattata sul posto, ritrare una figura etereea anomala, una creatura interdimensionale?

Nella fotografia che segue cosa si nota di anomalo?

chupacabra_interdimensionale

A prima vista non si nota nulla di anomalo, ma osservando attentamente la fotografia si osserva una figura etereea nella prossimitÓ del tronco dell'albero. Alcuni ufologi e Jamie Ferrier, noto giornalista che si interessa al fenomeno Chupacabra, hanno osservato la somiglianza della figura con le descrizioni effettuate del chupacabras, di seguito il particolare della fotografia:

chupacabra_interdimensionale_particolare

chupacabra_interdimensionale_particolare1

CONCLUSIONI

Quest'immagine potrebbe essere la testimonianza della presenza di creature interdimensionali o semplicemente potrebbe essere un gioco di luci o un effetto ottico originato dall'apparecchio stesso?

Articolo scritto dal Webmaster del sito

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrÓ pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo