CuriositàI luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondoLe creature italiane

Scheletri giganti rinvenuti nel mondo ed in Italia.

6 Min. lettura

Scheletri giganti rinvenuti nel mondo ed in Italia.

Nel mondo ed anche in Italia spesso si sente nominare l’esistenza di scheletri giganti appartenuti forse a persone del passato di notevoli dimensioni.

USA

Nel maggio del 1912 presso Lago Delavan in Wisconsin degli archeologi del Beloit College hanno rinvenuto nel sito archeologico che stavano esaminando 18 scheletri di notevoli dimensioni, definiti giganti. Il Beloit Colleg è un’ università sita a Beloit in Wisconsin.

Il Winsconsin è molto noto per trovarsi nella regione dei Grandi laghi. Quindi è una meta molto apprezzata a livello turistico perchè molto ricca di bellezze naturali ed anche di misteri legati ai suoi laghi ad esempio il mostro del lago Superior. Ed anche questo strano ritrovamento di 18 scheletri giganti è un mistero.

Di seguito un’articolo sul mostro del lago Superior:

Pressie il mostro del lago Superior in America. Il lago Superior è noto anche per la creatura che potrebbe celarsi nelle sue acque. La creature è stata avvistata nell’isola Presque da cui ha ottenuto il nome Pressie.

Scheletri giganti nel mondo ed in Italia
Scheletro Foto di Enrique Meseguer da Pixabay

La scoperta ha stupito i ricercatori per le anomali dimensioni di questi scheletri dalle sembianze umane con cranio allungato. La scoperta è stata approfondita dalla nota ed illustre testata giornalistica New York Times dove si supponeva che forse il Wisconsin era stato in passato abitato da uomini gigante con il cranio formato in modo diverso dall’uomo di questa epoca.

Infatti il cranio degli scheletri rinvenuti è allungato e le ossa nasali sporgono al di sopra degli zigomi.

  • Il 21 novembre 1856 sempre il New York Times riporta un ulteriore ritrovamento di scheletri giganti a East Wheeling, Ohio nella vigna dello sceriffo di quel periodo il signor Wickan. Lo scheletro era lungo tre metri e trenta centimetri ed i denti e la mascella erano paragonabili a quella di un cavallo.
  • In data 25 dicembre del 1868 sempre la medesima rivista il New York Times riporta la notizia di alcuni scheletri giganti rinvenuti durante degli scavi in Missisipi lungo il fiume. Scavi necessari per la costruzione di una diga idroelettrica da parte dell’azienda Sank Rapid Water Power.

In una tomba di circa sei metri è stato rivenuto lo scheletro gigante di un uomo pietrificato. La testa era di circa 78 centimetri con cranio allungato stimato in una lunghezza totale di circa tre metri.

Altri ritrovamenti in USA.

  • 8 settembre del 1871 un ritrovamento simile di sceletri delle stesse dimensioni è avvenuto negli scavi nei pressi di una ferrovia in Virginia. La Virginia si trova a Petersburg.
  • Il 25 maggio 1882 un’ ulteriore ritrovamento di questa tipologia di scheletro è a Red River Valley. Avviene in una collina a St. Paul in Minnesota.
  • Il 20 dicembre 1897 sempre nel Winsconsin, nei pressi di Maple Creek, è stato rinvenuto uno scheletro perfettamente conservato di circa tre metri.

Il giornale Harrisburg Telegraph

Il giornale Harrisburg Telegraph Il 10 agosto 1880 riporta una notizia a questo riguardo. In un abitazione privata del signor Neese sono stati rinvenuti due scheltri umanoidi di tre metri e trenta di dimensioni,

Scoperta antica popolazione a Guadalupe, New Mexico?

New Mexico

La signora Luciana Quintana ha deciso di scavare sotto due rocce con strane incisioni nella sua proprietà. Così facendo ha scoperto degli scheletri di persone alte circa tre metri e sessanta centimetri. La signora ha immediatamente pensato ad una razza di uomini giganti estinta facendo riferimento ad un’antica leggenda del posto. La leggenda narra di popolazioni di giganti che abitavano questi luoghi. La stessa credenza è insita nella cultura degli indiani d’America.

Teschio uomo
Cranio scheletro Foto di Gaby Stein da Pixabay

Sono state numerose le testate giornalistiche che hanno riportato notizie di questo genere.

Di seguito i giornali che hanno riportato negli anni notizie su queste misteriose scoperte:

  • Il giornale Sun nel 1893.
  • Il giornale  Popular Scienze nel 1932.
  • Infine nel 1940 il giornale San Antonio Express.

La popolazione dei Mounds Builders 

Sud America

I Mounds Builders sono una popolazione che costruiva migliaia di tumuli e piramidi circa cinquemila anni fa in Sud America. Si tratta di persone molto alte circa due metri e ottanta vissute in epoca precolombiana. Uno scheletro di queste persone è stato acquistato dal Smithsonian Institution. Lo Smithsonian Institution è il più grande e complesso museo del mondo che afferma che siano persone che rappresentano un involuzione.

Ritrovamenti in Italia:

La maggior parte dei siti con questo tipo di ritrovamento sono in Italia meridionale.

Sardegna.

In Sardegna nel 2015 nel nuraghe Barru al confine tra Guasila e Guamaggiore è stato scoperto uno scheletro di notevoli dimensioni. Il nuraghe Barru è una zona antica archeologica costruita con enormi pietre ed è anche importante meta turistica. Il giornale Unione Sarda riporta la notizia affermando che lo scheletro era seppellito ad ottanta centimetri di profondità con un femore enorme.

Nel 2013 in Sardegna nei pressi di Suelli è trapelata la notizia di un similare ritrovamento ma in seguito la notizia non è più stata divulgata.

Oristano le tombe dei giganti di Goronna.

Oristano.

Nel comuni di Paulilatino in provincia di Oristano vi sono degli antichi sepolcri composti da tombe giganti che hanno una notevole importanza di valore storico. Nelle tombe sono stati rinvenuti scheletri.

Ritrovamento In Calabria:

Nel 1663 a Tiriolo in Calabria è stato scoperto uno scheletro gigante. Giovanni Battista Cappucci, medico di Crotone, ne diede la notizia il 24 giugno 1663 tramite lettera ad un altro medico  Marcello Malpighi di Bologna. Lettera controversa, forse con informazioni non certe di notizie riportate. Purtroppo non vi sono altre prove concrete su questo ritrovamento in Calabria.

Di seguito la lettera che fu inviata:

Sperai nell’aprile prossimo aver materia di scrivere a V.S.E. una lunga lettera sopra il ritrovamento d’un sepolcro antichissimo aperto nella campagna di Tiriolo. Terra di questa Provincia, et in esso d’una ossatura di cadavere gigantesco innatante in una notabile quantità di cerume.

La mostra del quale è stata portata anche fin a Napoli al Sr. Tommaso Cornelio sotto nome di balsamo. Et io ne ho visto qualche minuzia, ch’esaminata al di fuori pareva una pece bruna addensata, et invecchiata. Ma nel fuoco spirava un odor migliore della pece comune. Onde ho preso a sospettare che sia mistura di pece e d’altra raggia di miglior fumo.

Un dente anche mi fu promesso dal medesimo cadavere, che corre voce sia stato di quindici palmi di statura..

Il nostro Sig. Giovanni Battista Abati, che da Catanzaro è più di me vicino a Tiriolo, haverebbe potuto meglio informarsi. Ma egli incaparbito a tener il riporto menzogna et il cerume e l’ossa imposture o favolosi, non ha voluto impicciarsi. Per separare dal falso il vero, se di quello, come è solito in tutte le novità, vi è misura notabile nella storia”.

In seguito la Calabria è stata soggetta a ritrovamenti di bizzarre e gigantesche costruzioni tra cui case e sepolcri. Nel 1725 si narra nei libri scritti all’epoca di giganteschi scheeltri trovati dai contadini dell’epoca. Numerosi autori scrissero testi in merito a questo tema.

Ritrovamento nel deserto arabo.

Nell’aprile 2004 Il team di Aramco Exploration in una zona desertica chiamata  il quarto vuoto, in arabo “Rab-Ul-Khalee“ durante attività di scavo avrebbero rinvenuto scheeltri umani giganti. Il Corano nomina dell’esistenza di un popolo di uomini enormi in grado di abbracciare il tronco di un’albero chiamati popolo di Aad.

Forse si tratta di loro resti? Il popolo degli Ulemi in Arabia Saudita ne è convinta.

La smentita di questa notizia

Questa notizia è stata smentita dal creatore di un’ipotetica foto effettuata da un’ aereo al sito blindato. Al sito a nessuno in teoria era permesso entrare. Un’ utente del Worth1000.com creò la foto per un concorso chiamato “Anomalie archeologiche“. La foto ritoccava, con un programma apposito, una foto reale di uno scheletro di mastodonte ( un mammuth) rinvenuto ad Hyde Park, a New York durante degli scavi.

Nel 2007 sempre lo stesso sito Worth1000.com ha indetto un’ ulteriore identico concorso ed altre foto di tre scheletri giganti hanno creato lo stesso scalpore nel web.

Ipotesi

Forse si trattava di popolazioni affette da una patologia nota come gigantismo o macrosomia?

Questa patologia causa uno spropositato accrescimento del corpo umano, icluse le ossa, a causa di una eccessiva produzione di un ormone specifico. Il raggiungimento di altezza tra i 2.50 e 2.80 in età adulta è molto comune in chi è affetto da questa patologia. Nonostante la malattia le dimensioni dello scheletro umano restano proporzionate.

Anche l’alimentazione incideva in passato sulle stature delle persone nelle varie epoche in cui hanno vissuto, chi si nutriva esclusivamente di carne era ad esempio più alto di statura rispetto a chi mangiava più pesce e cereali.

Anche la Bibbia parla nei suoi scritti di persone giganti ed anche il Corano.

Queste popolazioni giganti sono esistite o sono tutte notizie non reali?

Queste scoperte se fossero reali metterebbero in dubbio la scala evolutiva dell’ homo Sapiens. Per cui la comunità scientifica valuta l’ipotesi della reale presenza nel passato di popolazioni giganti. E vi sono studi in merito molto approfonditi.

Ma in realtà i ritrovamenti di questi scheletri giganti sono puntualmente smentiti.

I complottisti:

Secondo i complottisti la Smitsonian Institution avrebbe distrutto migliaia di scheletri giganti umani per insabbiare le scoperte. Anche la Corte Suprema ritiene che questa azienda possegga documenti utili al fine di documentare l’esistenza di questi scheletri con documenti risalenti al 1900. Questo argomento è molto controverso e non è del tutto chiaro se si tratta di ritrovamenti reali oppure no.

Anche l’ipotesi che non si tratti di scheletri umani ma si tratti di scheletri di animali preistorici come grandi cetacei o quadrupedi terrestri spacciati per tali è molto accreditata. Come è reale la modifica di foto per ottenere con programmi appositi moderni foto ritoccate ma estremamente realistiche.

In futuro si avranno sicuramente più certezze in un senso o nell’altro sull’esistenza di scheletri giganti nel mondo.

Curiosità:

Di seguito visita la sezione del sito su i luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondo

530 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
CuriositàMaltrattamento animale

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale

4 Min. lettura
La “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale”. L’UNESCO ha approvato la Dichiarazione nel 1978 proclamando i diritti degli animali presentata e proclamata da numerose associazioni. In Italia era quasi scandaloso dichiarare che gli animali avevano dei diritti.
Le creature italianeStrane creature e criptozoologiaStrane creature terrestri

Buon Natale con i Lupi Mannari dell'Irpinia

3 Min. lettura
Buon Natale con i lupi mannari dell’Irpinia. In Irpinia, in Provinicia di Avellino, vi è la radicata credenza che questa zona territoriale sia luogo di presenza di Lupi Mannari.
I luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondoParanormale

La Piligrèna e Halloween in Romagna, Italia

3 Min. lettura
Molto prima della nota ai più festività di Halloween durante la festa di Ognissanti in Romagna era usanza sistemare candele in zone poco illuminate note come Crocicchi ed anche all’interno di zucche e cocomeri di diverse dimensioni. In questa festa di origine cristiana tutti i Santi noti sono onorati. Lo scopo della luce era quello di tenere lontana la Pellegrina sopratutto dai bambini.