Il Mondo del ParanormaleParanormale

Il caso delle Fate di Cottingley, Yorkshire

1 Min. lettura

Le fate fanno parte dei Fairies ovvero del piccolo popolo, creature dalle forme umane ma di dimensioni molto ridotte.

Solo persone predisposte possono vedere le fate, il loro aspetto può essere etereo, corporeo, mezzo etereo o mezzo corporeo o possono essere composte di nubi condensate.
Esse possono essere buone o cattive, si dice che siano angeli, anime sospese oppure esseri di un altro mondo o di un’altra dimensione.
Le fate sono presenti in tutto il mondo con nomi differenti e non sono buone, se un umano capitasse per errore nel mondo delle fate non ne uscirebbe vivo, a nessun essere umano è permesso entrare e vedere il mondo incantato delle fate.

Il caso delle Fate di Cottingley, Yorkshire, scherzo rivelato. 

Frances Griffith di 9 anni( 1907-1986) e sua cugina Elsie Wright(1901-1988), nel luglio dell’anno 1917 affermarono di aver visto e fotografato delle fate e dei folletti nel bosco di Cottingley, solo loro due potevano vedere e parlare con le fate e dovevano presentarsi a loro da sole.

Scoppiò un vero e proprio caso nazionale quando lo scrittore inglese Sir Arthur Conan Doyle(1852-1930) che scrisse la storia del famoso ispettore Sherlock Holmes, prese a cuore il caso delle bambine e credendo all’esistenza delle fate dedicò alcuni articoli sul caso delle bambine e scrisse un libro:The Coming of the Fairies (in italiano Il ritorno delle fate – Sugarco Edizioni anno 1992) pubblicando le cinque foto delle fate scattate dalle bambine.

Solo dopo molti anni, all’inizio degli anni ottanta le bambine, ormai donne, rivelarono come avevano creato le fate ritratte nelle foto:con bastoncini di legno e cartoncini sagomati a forma di fata probabilmente ritagliati da un famoso libro dedicato alle fate dell’epoca Princess Mary Gift’s Books e inseriti nel terreno con spilli.

Le foto incriminate presentavano i negativi non manomessi anche se in quell’epoca un fotografo esperto avrebbe potuto manometterli in modo impercettibile, secondo gli esperti dell’epoca le foto ritraevano figure in movimento.

 

Di seguito le foto delle fate di Cottingley.

 

Le foto originali sono conservate nella biblioteca dell’università di Leeds.

Articoli correlati
ParanormalePersonaggi

Rosemary la sensitiva italiana

1 Min. lettura
Maria Rosa Laboragine conosciuta come Rosemary è una nota sensitiva italiana che risiede a Montegrotto Terme, Padova.
I MisteriParanormale

Quadri ed oggetti maledetti posseduti

3 Min. lettura
Quadri maledetti, posseduti? Il mondo del paranormale è un mondo molto vasto in cui si possono trovare numerosi oggetti posseduti dalle bambole, agli oggetti più comuni alle navi fantasma e ci sono anche dei quadri posseduti che osservandoli a lungo in diverse occasioni cambiano il loro aspetto.
I MisteriParanormale

Okiku la bambola a cui crescono i capelli

1 Min. lettura
Nel 1918 alla bambina di due anni Okiku fu regalata una bambola dal fratello diciassettenne Eikichi Suzuki acquistata in un negozio di oggettistica da regalo.