CuriositàPersone straordinarie

David Vetter il bambino nella bolla

4 Min. lettura

Texas, Stati Uniti David Vetter il bambino nella bolla 

David Phillip Vetter è il bambino nella bolla ed è chiamato anche Bubble Boy. David nacque a Shenandoah, Texas, Stati Uniti il 21 settembre 1971 e morì il 22 febbraio 1984.

Il bambino ha vissuto per 12 anni affetto da una malattia chiamata immunodeficienza combinata grave. La malattia ha impedito a David di avere contatti con l’esterno per tutta la vita. Il rischio di contrarre infezioni era molto elevato e potenzialmente mortale.

David Vetter il bambino nella bolla.

David Joseph Vetter Jr. e Carol Ann Vetter sono i genitori di David Vetter. David Vetter è il bambino nella bolla.

I coniugi Vetter erano genitori anche di Katherine. David Joseph Vetter III il loro primo nascituro è morto sette mesi dopo la nascita. In seguito a questa nascita ai genitori di David tre medici del Baylor College of Medicine John Montgomery, Mary Ann South e Raphael Wilson spiegarono alla coppia che ogni figlio che concepivano avrebbe avuto il 50% di possibilità di nascere affetto da immunodeficienza combinata grave. Il nascituro poteva essere costretto a passare la sua vita in un ambiente completamente sterile. Non vi era ancora una cura per questa patologia.

I signori Vetter decisero di avere ugualmente un’altro figlio. La coppia di coniugi credeva che il loro figlio avrebbe potuto avere una vita normale grazie alle cure.  Non si posero alcun quesito sul tipo di vita destinata ad un bambino in un’ ambiente sterile.

Il cappelano dell’ospedale Raymond Lawrence aveva definito più volte David come il bambino concepito per la bolla. Lawrence credette che i tre medici avessero incoraggiato la signora Vetter ad avere una gravidanza. Lawrence credeva che in questo modo i medici avrebbero avuto un soggetto da studiare. Queste accuse i medici le negarono.

La nascita di David

Immediatamente dopo la nascita David fu fatto alloggiare in una specie di bolla di plastica esente da germi.

Sarebbe stata la sua casa per tutta la vita, l’unica in cui poteva sopravvivere.

La bolla

La “casa” di David dal momento della sua nascita era la “bolla di plastica” sterile. L’ospedale creava una bolla in cui veniva spostato da una stanza all’altra in base alla crescita ed alle esigenze di David.

Tutto ciò che entrava nella bolla, dagli alimenti, ai pannolini, ai vestiti era sottoposto ad un’accurata procedura di disinfezione. L’ospedale fornì a David un piccolo televisore. I suoi genitori si preoccupavano della sua istruzione scolastica.

La bolla era mantenuta gonfia da motori molto rumorosi al punto che non permettevano al bambino di avere conversazioni con nessuno.

Il cedimento psicologico di David

All’età di undici anni David ebbe i primi segni di cedimento psicologico nel momento in cui un gioco per bambini abbastanza grande fu inserito nella bolla. Il bambino davanti ai medici dell’ospedale e ad un fotografo di un noto giornale locale non ci volle entrare. David  in seguito è entrato nel gioco, Playroom in inglese, grazie all’aiuto di una psicologa Mary Murphy . La donna fu interpellata dalla madre del bambino in quanto David chiedeva spesso perchè non poteva uscire dalla bolla. David chiese anche a cosa gli serviva imparare ad esempio l’inglese se “non poteva mai uscire”.

La bolla speciale

Nel 1974 una bolla speciale fu allestita a casa dei genitoridi di David. A Conroe in Texas rimase per qualche settimana. Durante quel periodo la sorella di David, Katherine, dormì a fianco della bolla nel salone.

Più di una volta David provò a forare la bolla chiedendo di farlo anche alla sorella. All’età di cinque anni aveva compreso come sarebbe stata la sua vita e non riusciva ad accettarlo.

Psicologicamente David era instabile ma i media lo dipingevano come un bambino in buona salute rinchiuso in una bolla o campana di plastica. Si sentiva come un’attrazione per chi lo veniva a “vedere” tra star di Beverly Hills e personaggi famosi.

David soffriva di un terrore per i germi. Gli incubi lo accompagnavano la notte con il “re dei germi” come protagonista.

La Nasa

La Nasa nel 1977 si è interessata del caso ed i suoi ricercatori utilizzarono la loro esperienza nel creare “abiti per lo spazio” . Avevano creato un “abito” speciale per David dal costo di 50.000 dollari che permise a David di uscire dalla bolla nel mondo esterno.

Quando il vestito fu regalato a David egli si rifiutò di adoperarlo diceva che era “la casa dei germi” . In seguito David lo ha utilizzato per sette volte finchè non è diventato troppo piccolo. Al Smithsonian Institution è conservato il vestito di David .

La malattia di Bubble Boy, David Vetter il bambino nella bolla.

Nella malattia genetica denominata immunodeficienza combinata grave (SCID), il sistema immunitario non funziona correttamente. Il rischio di contrarre infezioni da parte di chi ne è colpito è molto elevato. I globuli bianchi che non funzionao correttamente.

Durante la vita David non ha avuto alcun progresso riguardo la malattia. Il bambino cresceva bene.

Nel 1980 due nuovi medici proposero di far uscire David dalla bolla affermando che avrebbe potuto avere un miglioramento.

I medici affermarono che sarebbe stato possibile sostenere il bambino con antibiotici ed altri medicinali. I genitori di David credevano inceve che sarebbe potuta essere la condanna a morte di David. Di comune accordo i genitori del bambino rifiutarono la proposta.

L’operazione di David Vetter il bambino nella bolla.

Nel 1983 David ha subito un operazione al midollo osseo donato dalla sorella Katherine. Il trapianto andò a buon fine. Dopo qualche mese David però si è ammalato con diarrea, febbre e vomito. Il padre diede il consenso ad estrarre David dalla bolla per la gravità dei sintomi.

Dopo 15 giorni il 22 febbraio 1984 David è morto a causa di un linfoma di Burkitt.

Il midollo osseo donato da Katherine purtroppo conteneva tracce di un virus non rilevate per tempo. Il virus causò dei tumori a David.

In seguito i genitori di David divorziarono. Suo padre diventò sindaco di Shenandoah, Texas. Mentre sua madre Sposò un giornalista di People. L’uomo aveva scritto un articolo su la storia di David.

Cinema

-Il caso David Vetter fu riportato in una serie televisiva “Boy in the Plastic Bubble”. John Travolta ha partecipato alla produzione di questo film.

Di seguito un film che trae ispirazione dal caso David Vetter.

-Bubble Boy 2001David Vetter il bambino nella bolla

Curiosità:

-Visita nel sito la sezione persone straordinarie.

567 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
CuriositàI luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondoI Misteri

Inspiegabile esplosione a Tunguska in Russia, 1908

3 Min. lettura
Inspiegabile esplosione a Tunguska in Russia, 1908. 80 milioni di alberi, abeti e betulle per la maggior parte, racchiusi in circa 1240 km di foresta sono stati rasi al suolo nel 1908.
CuriositàI luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondo

Il Ballo della capra e il Capodanno rumeno

2 Min. lettura
Il Ballo della capra e il Capodanno rumeno. In Romania la capra da secoli è considerata un animale sacro che appare poco prima dell’inizio dei raccolti, alla capra è dedicato un antico rituale noto come il”Ballo della capra”.
CuriositàIl Mondo del ParanormaleParanormale

Il Malocchio la superstizione più antica del mondo

3 Min. lettura
Il Malocchio è la superstizione più antica del mondo che resiste nel tempo anche senza alcuna spiegazione scientifica.