I MisteriParanormale

Quadri ed oggetti maledetti posseduti

3 Min. lettura

Quadri ed oggetti maledetti, posseduti

Il mondo del paranormale è molto vasto e vi si possono trovare numerosi oggetti posseduti.

Si spazia dagli oggetti più comuni alle navi fantasma, bambole ed anche quadri possono essere oggetti posseduti.

Ad esempio i quadri possono essere definiti posseduti o maledetti. Osservandoli a lungo possono cambiare il loro aspetto. Potrebbero essere davvero spaventosi.

Quadri ed oggetti maledetti posseduti

L’uomo angosciato, The Anguished Man

Sean Robinson, Regno Unito, ha ereditato dalla nonna un quadro che lei non apprezzava. Lei lo aveva tenuto 25 anni in soffitt e, la nonna si raccomandava spesso di stargli lontano

Sean non seguì le raccomandazioni della nonna e alla sua morte mise il quadro in salotto.

quadro l'uomo angosciato

Il quadro L’uomo angosciato,-

The Anguished Man

“L’uomo angosciato” è il nome di questo quadro di cui non si conosce l’autore ma che pare sia stato creato con la tecnica bloody painting in cui il sangue dell’artista viene mescolato con la pittura. L’artista si sarebbe suicidato dopo aver ultimato il dipinto in questione.

Sean ora si ritrova a vivere in casa con presenze, pianti e grida agghiaccianti di creature ultraterrene che diffonde su internet grazie al suo canale Youtube. La casa potrebbe essere posseduta? Sean attribuisce il tutto al quadro in questione e tiene molto ad esso pertanto non ha intenzione di vendere il quadro maledetto della nonna. Il quadro ha anche un valore affettivo per lui.

 Sean Robinson ha un canale Youtube: The Anguished Man

Quadri ed oggetti maledetti posseduti Opere “Il bambino che piange”

Serie di dipinti il bambino che piange

Insegnante e pittore all’Accademia delle belle Arti di Venezia Bruno Amadio, noto con lo pseudonimo di Giovanni Bragolin fu l’artefice di 27. Nei quadri i bambini piangono o sono imbronciati.

Una società apposita negli Stati Uniti che ne riprodusse migliaia di copie. Il nome di questa sua opera è “Il bambino che piange”.

La leggenda

Una leggenda avvolge questi quadri. La leggenda nacque il 3 settembre 1985 a Rotherham in Inghilterra dove una casa prese fuoco e l’unico oggetto ritrovato intatto fu proprio uno di questi quadri.

Un quadro maledetto? Come aveva potuto resistere all’Incendio?

La leggenda narrava che i quadri fossero maledetti e che prendessero fuoco da soli appesi ai muri rischiando di fare bruciare intere residenze. Si narra che i quadri portassero sventura al loro proprietario.

Secondo le dicerie forse era stato stretto un patto con il diavolo da parte di Bragolin,  oppure che si trattasse di bambini maltrattati poi ritratti e bruciati vivi che ritornavano nel nostro mondo alla ricerca di vendetta.

La questione di questi quadri fu affrontata ritirando, tramite una sorta di raccolta da parte del noto giornale Sun, i quadri incriminati riprodotti a migliaia.

I quadri furono bruciati in un enorme rogo e da allora non vi fu più questa sorta di psicosi generale e nessun incendio misterioso.

Una forma di pubblicità per il giornale Sun?

Quadri ed oggetti maledetti posseduti: 

The Hands Resist Him di Bill Stoneham

The Hands Resist Him di Bill Stoneham è un quadro molto misterioso e famoso, foto di seguito:

Quadri ed oggetti maledetti posseduti

L’ autore ha realizzato il quadro in questione nel 1972 ad Oakland in California.

Bill Stoneham da giovane è rappresentato dal bambino mentre la bambola sarebbe la sua giovinezza.

La bambola sarebbe colei che lo accompagnerà nel percorso della vita, le mani che si intravedono nel vetro invece rappresentano il confine tra il mondo reale e quello immaginario.Tramite una nota piattaforma online vendette il quadro.

L’attore John Marley acquistò per primo il quadro.Dopo la morte dell’attore il quadro fu acquistato da una coppia residente in California nel 1984.

Nel 2000 rivendettero il quadro perché affermavano fosse posseduto. Si narra che i personaggi del quadro uscissero di notte dalla tela.

I personaggi secondo i testimoni cambiavano posizione nel disegno e la bambola talvolta appariva con in mano una pistola invece che le sue batterie. Quando la leggenda sul quadro maledetto venne alla luce il suo valore crebbe in breve tempo.

La misteriosa storia del quadro divenne pubblica ed il quadro ottenne molta notorietà.

Quadri ed oggetti maledetti posseduti:

Love letters di Richard King

Quadri ed oggetti maledetti posseduti

Una bambina Samantha Houston di quattro anni è ritratta in questo quadro.

Lei fu la figlia del senatore degli Stati Uniti dell’epoca, nel 1887, alloggiava al Driskill Hotel, a Austin, Texas.

la bambina rincorrendo una palla cadde dalle scale rompendosi la spina dorsale.

Samantha morì sul colpo.

Il proprietario dell’hotel decise di commissionare un dipinto della bambina a Charles Trevor Garland che in seguito espose nel suo hotel.

Si vociferava della presenza dell’anima di Samantha sotto forma di  presenza che attraverso il dipinto seguiva con gli occhi chi lo osservava. Una cassaforte ha il quadro rinchiuso al suo interno.

Curiosità:

-Leggi l’articolo Bambole ed oggetti posseduti nel sito.

 

444 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
I Misteri

Creepypasta in internet

4 Min. lettura
Creepypasta è un termine utilizzato per definire le storie raccapriccianti reperibili in internet. In italiano…
ParanormalePersonaggi

Rosemary la sensitiva italiana

1 Min. lettura
Maria Rosa Laboragine conosciuta come Rosemary è una nota sensitiva italiana che risiede a Montegrotto Terme, Padova.
I MisteriParanormale

Okiku la bambola maledetta a cui crescono i capelli

1 Min. lettura
Nel 1918 alla bambina di due anni Okiku fu regalata una bambola dal fratello diciassettenne Eikichi Suzuki acquistata in un negozio di oggettistica da regalo.