ChupacabraGli ipotetici chupacabras italianiLe creature italiane

Inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello, in corso

4 Min. lettura

Animali sbranati nei campi e orme giganti: lo strano criptide sauromorfo di Alvignanello

Dall’inchiesta su lo strano criptide sauromorfo di Alvignanello di Vincenzo Tufano e dei suoi collaboratori. Forti ruggiti e sibili nella notte, rinvenimento di animali selvatici predati nei boschi, orme giganti a tre artigli non identificate. Vi sono testimonianze di incontri ravvicinati con una strana creatura lucertiforme. Questo è ciò che sta accadendo da circa 9 mesi in un piccolo paese collinare del Casertano, Alvignanello, il tutto avvolto nel più assoluto mistero.

Gli eventi nell’inchiesta su lo strano criptide sauromorfo di Alvignanello

I primi eventi videro la loro genesi lo scorso anno, Gennaio 2019. Alcuni pescatori del posto hanno testimoniato di aver rinvenuto, lungo il greto sabbioso del Fiume Volturno, delle orme di un animale vagante sconosciuto. Le orme erano di circa 70 cm provviste di tre artigli possenti, di cui ne furono anche recuperati diversi calchi.
Inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello

Inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello, le impronte.

La seconda ondata di segnalazioni documenteranno le apparizioni di un criptide sauromorfo, di stazza possente e muso allungato. Fu avvistato da un pescatore e ”percepito” poi dalla signora Agata Cusano un pomeriggio di Febbraio dietro ad alcuni rovi. Nel luogo segnalato dalla sig.ra Cusano furono poi rinvenute le tracce ungulate. Una terza testimonianza parlò di due grandi occhi luminescenti color rosso fuoco, che spiccavano nel buio di una notte d’estate dello scorso anno. Nei luoghi degli avvistamenti, tra gli arbusti, spiccavano poi dei residui di squame. Questi residui sottoposti alle analisi di due Zoologi risultò essere un mix combinante tra la pelle di una lucertola e quella di un camaleonte. Le analisi avevano corroborato anche la sua proprietà di cambiare colore in determinate condizioni di temperatura. La situazione nelle campagne di Alvignanello tendeva a complicarsi quando anche nel vicino paese di Ruviano alcuni contadini segnalarono strane orme nei campi. Le segnalazioni erano accompagnate da sibili sonori che si estendevano nei boschi circostanti.
fiume e colline Alvignanello

Inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello. Foto del fiume Volturno.

Numerose apparecchiature di ricezione sonora poste nei boschi e dislocate in vari punti, hanno potuto ”immortalare” gli impressionanti vocalizzi di questa creatura. Gli stessi Zoologi e Naturalisti chiamati in causa non hanno esitato a definire i suoni” inquietanti”. I fatti saranno poi documentati anche da altri Zoologi, Veterinari e dal Gruppo di Ricerche C.I.S.P., di Benevento.

Ascolta il suo verso nel video sul canale YouTube del sito:

Le vittime rinvenute nell’inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello

Ma gli accadimenti raggiungeranno il loro picco massimo quando una seconda ”componente” spiccava tra i numerosi indizi: decine di carcasse di cinghiali recanti unghiate sul corpo, mentre alla gola si evidenziavano due fori di circa 4 cm- A circa un metro dai medesimi le solite orme tre ungulate.
impronte Alvignanello

Inchiesta su lo strano criptide di Alvignanello

Le vittime predilette di questo presunto animale di grossa taglia risultano essere anche nutrie e cani. I corpi, parzialmente dilaniati e sbranati dei cinghiali, erano stati oggetto di una feroce aggressione. Un predatore classificato come ignoto anche dagli stessi Carabineri Forestali, giunti sul posto era stato il probabile colpevole. Un altro testimone poi racconterà che: “La mattina del 7 Maggio stavamo camminando io e mio cugino lungo un tratto ricco di pietre del Fiume Volturno tra Alvignanello e Ruviano” ( Caserta). Quando abbiamo notato a terra due carcasse di cinghiale, e quella di un cane, pesantemente predato. Un cinghiale era sbranato, e l’altro semi intatto, tutti però dissanguati e con chiari segni di “dentate” alla gola,. In quel punto nel quale presentavano due fori a circa 10 cm di distanza l’uno dell’altro, del diametro ognuno di alcuni cm. Eera come se fossero stati azzannati da un branco di cani affamati. Abbiamo notato anche delle orme molto grandi somiglianti a quelle di un gigantesco pollo, a circa 20 metri da lì sul terriccio- Le impronte avevano tre dita molto lunghe. Fatto visionare il materiale anche a un esperto ha potuto confermare i segni tipici di predazione sui corpi delle carcasse.

Conclusioni:

Ad una parziale conclusione sono giunte le Autorità Forestali Domenica 17 Maggio 2020. Dopo l’ultimo sopralluogo per il rinvenimento di 10 orme, della peluria e una zampa di un cinghiale, recita che: ”I massimi esperti di orme di grossa taglia, dopo uno studio accurato delle tracce, hanno tendenzialmente escluso che si tratti di una specie di razza felide o canide nota.” Non solo per le enormi dimensioni delle impronte e per il numero di artigli ma anche per le sue caratteristiche anatomiche. L'”imprinting” delle impronte esula dalla casistica zoologica del regno animale conosciuto. E’ stata rilanciata la possibilità di un criptide. La distanza che separa le tre dita artigliate varia in base alle orme rinvenute sul terreno. E ciò denota una grande mobilità e dinamicità di movimento interdigitale delle stesse. Gli esperti inoltre non hanno escluso però che possa trattarsi anche di un animale noto che ha subito un’alterazione congenita agli arti inferiori, costringendolo al bipedismo’. Tutto ciò sembrerebbe ricondurci alle strane presenze criptozoologiche che la Scienza cerca da tempo di individuare e mappare. Chi è questo animale? Un ibrido? Una specie esotica poco conosciuta? O un esemplare inselvatichito che ha subito una mutazione genetica? Tutte le ipotesi sono aperte, per ora…

In un video sul canale YouTube di ChupaCabraMania parla il testimone Vincenzo Tufano.

Nel video vi sono immagini ed audio sul caso di Alvignanello.

Curiosità:

Potrebbe trattarsi del mitologico chupacabra di cui trattiamo in questo sito? Articolo introduttivo “Chupacabra mito o realta?”

Il primo avvistamento del Chupacabra conosciuto anche come EBA (entità biologica anomala) risale al 1975 a Puerto Rico. [continua]

Approfondimenti: Visita la sezione con tutti gli articoli e ultimi aggiornamenti sulla creatura di Alvignanello.

Scopri il libro “Le strane creature e i misteri in Italia e nel mondo” di Erika Di Cuonzo

Di seguito il BookTrailer sul canale YouTube di ChupaCabraMania.com. Il libro è disponibile su Amazon. Le strane creature e i misteri in Italia e nel mondo (I misteri e le strane creature nel mondo e tanto altro) eBook : Di Cuonzo, Erika : Amazon.it: Libri

661 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
Chupacabra

Il mistero di Gambo mostro marino in Africa

2 Min. lettura
Il mistero di Gambo mostro marino in Africa. Cosa è stato rinvenuto sulla spiaggia nel 1983 a Kotu in Africa?
CreatureCreature misteriose lacustriLe creature italiane

Biddrina serpente gigante mitologico in Sicilia

1 Min. lettura
Biddrina creatura mitologica siciliana. La Sicilia è una regione italiana ricca di folclore, tra le figure mitologiche siciliane vi è Biddrina un gigante serpente mitologico.
CreatureCreature misteriose marineLe creature italiane

Scilla e Cariddi i mostri dello stretto di Messina

3 Min. lettura
La leggenda di Scilla e Cariddi. Mostri marini che abiterebbero lo stretto di Messina in Sicilia è molto affascinante e misteriosa.