Le creature italianeStrane creature e criptozoologiaStrane creature terrestri

Il drago Magalasso a Spilamberto, Emilia Romagna

2 Min. lettura

Il drago Magalasso a Spilamberto, Emilia Romagna.

Una creatura simile ad un drago od un serpente viveva nel comune di Spilamberto in Emilia Romagna. Il Magalasso si dice che vivesse nella fossa del Torrione a Spilamberto.

A Spilamberto vi è un complesso medioevale che si trova all’ingresso del paese con una torre alta più delle altre abitazioni che è comunemente denominata “Torrione“.

Il drago Magalasso a Spilamberto Modena
Immagine del Torrione di Spilamberto. Immagine di Paolo Monti, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La leggenda vuole che nella fossa intorno al Torrione vivesse il drago Magalasso. Ma dopo che la fossa del Torrione è stata chiusa si diceva che esso si annidava tra i canneti dietro la rocca di Spilamberto, vicino al fiume che lo attraversa: il Panaro.

Spilamberto è una città sita in provincia di Modena in Emilia Romagna e si trova nella Pianura Padana.

In dialetto questa creatura è chiamata Al Magalàs.

Il Magalasso non era pericoloso per l’uomo, nè per gli animali. Era solo dispettoso e spaventava i cittadini di Spilamberto con il suo lungo sibilo ed il suo strano aspetto. Infatti non sono mai stati registrati eventi dove il Magalasso abbia mai ferito uomini od animali. La leggenda vuole che il Magalasso amasse spaventare chi si avvicinava a lui con il suo sibilo lungo e spaventoso o mostrandosi nel suo aspetto orribile.

Questa creatura era simile ad un drago o serpente con colori variopinti e la testa da uomo, con denti e occhi da essere umano.

Il drago Magalasso a Spilamberto, Emilia Romagna

Questa creatura era spesso udita dalla popolazione spilambertese, emetteva un lungo e possente sibilo nascosto nella vecchia fossa del Torrione di Spilamberto. In inverno il Magalasso non si mostrava all’uomo solo dal mese di marzo in poi egli usciva dal suo ipotetico letargo per spaventare le persone del posto.

Purtroppo il Magalasso è ormai una figura mitologica in quanto non è più stato udito nè avvistato dal 1982. Nel 1982 vi fu un gruppo di persone che udì il forte sibilo del Magalasso, queste ultime fuggirono cercando riparo sul Torrione stesso.

Conclusioni:

In conclusione il drago Magalasso è probabilmente una metafora.

Esso rappresenterebbe i signorotti dell’epoca che costringevano la popolazione a nascondersi nella Torre per sfuggire loro. Perchè i signorotti erano soliti avere atteggiamenti di soprusi verso la popolazione locale.

Per cui probabilmente non è un caso che il drago Magalasso rappresenti il popolo di Spilamberto.

Curiosità:

Nel mese di maggio di ogni anno a Spilamberto vi è la Festa del Magalasso. La festa si svolge al Parco del Magalasso in via Cervarola a Spilamberto. La manifestazione è organizzata dal Comitato Parco Magalasso che ha come logo una simpatica immagine di un drago in onore del drago Magalasso.

Il drago Magalasso alle scuole elementari di Spilamberto.

Aprile 2021

Recentemente il consiglio comunale di Spilamberto ha permesso ad un artista modenese Luca Zanni, in arte Zamoc, di creare un opera riguardante il drago Magalasso. L’opera è esposta su di un muro delle scuole elementari di Spilamberto.

Si tratta di un iniziativa con lo scopo di far conoscere questa creatura, che fa parte della coltura locale, anche ai bambini spilambertesi. Anche i bambini hanno partecipato alla creazione dell’opera di Zamoc.

Queste immagini sono state gentilmente concesse dal signor Antonio Valzani, fotografo, il cui profilo facebook è il seguente: Antonio Valzani. Il profilo Instagram è Antonio (antonio_valzani71)

Le immagini sono state anche pubblicate sul gruppo Facebook “Sei di Spilamberto se…”

Di seguito una canzone sul Magalasso.

Il gruppo musicale molto noto dei Modena City Ramblers ha dedicato una canzone al Magalasso. Di seguito la canzone del gruppo su youtube in dialetto modenese con una simpatica spiegazione della leggenda.

Approfondimenti:

Di seguito visita la sezione del sito su le strane creature nel mondo e le strane creature italiane.

550 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
Le creature italianeStrane creature e criptozoologia

I grandi felini avvistati in Italia, sono gatti alieni?

3 Min. lettura
I grandi felini avvistati in Italia, sono in realtà grandi gatti alieni? L’Italia non è nuova agli avvistamenti di grossi animali di colore scuro o nero nelle campagne. Si tratta di ABC o di grossi felini come pantere nere libere scappate da circo o sfuggite da abitazioni in cui erano detenute illegalmente?
Strane creature e criptozoologiaStrane creature terrestriUfo ed alieni, abduction

Il Demone di Dover una creatura degli alieni?

4 Min. lettura
Il Demone di Dover una creatura degli alieni? Il Demone di Dover è stato avvistato la prima volta nella città di Dover nello stato del Massachussets negli Stati uniti d’America.
CuriositàI luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondoLe creature italiane

La leggenda del lago di Carezza in Alto Adige

1 Min. lettura
La leggenda del lago di Carezza in Alto Adige. L’amore impossibile del mago Masarè per la sirenetta del lago.