CreatureCreature misteriose lacustri

Il mostro del lago di Angera, Lombardia

2 Min. lettura

Il mostro del lago di Angera in Lombardia

Angera è una città sita in provincia di Varese in Lombardia che si affaccia sul lago Maggiore. Il borgo di Angera è un luogo molto caratteristico ed è una meta turistica molto nota con una leggenda. Un bellissimo borgo noto come Rocca Borromea sovrasta la zona in tutto il suo splendore.

La leggenda del mostro del lago di Angera narra che sulle rive del lago vivesse un enorme mostro serpentiforme sputafuoco.

Secondo la legenda nella zona del lago, dove le acque erano più profonde, viveva un mostro gigante serpentiforme che attaccava e si nutriva di bambini.

I bambini che si avvicinavano alle rive del lago potevano essere raggiunte dal mostro avvolto in una nuvola nera mentre sprigionava fiamme. Il serpente gigante alitava sui bambini stordendoli per poi nutrirsi delle loro carni.

La leggenda narra che il mostro di Angera era molto pericoloso in quanto sovente fuoriusciva dall’acqua per inseguire le sue vittime. Il serpente gigante sputafuoco creava danni anche alla vegetazione circostante.

Uberto Visconti e la sconfitta del mostro di Angera

Il mostro del lago di Angera
Serpente sputafuoco illustrazione. Foto di Renate Anna Becker da Pixabay

Secondo la leggenda Uberto Visconti, guerriero importante dell’epoca, salvò dalla creatura due bambini. Uberto Visconti, dopo una violenta lotta, uccise il mostro trafiggendolo con la sua spada liberando Angera dalla sua ingombrante presenza.

Il serpente gigante divenne il simbolo sulla sua spada. Uberto Visconte è il capostipite della dinastia Visconti che risale alla data, non certa, del 1250.

Uberto Visconti e la leggenda del drago Tarantasio.

Secondo un’altra leggenda Uberto Visconti avrebbe ucciso il drago Tarantasio del lago Gerundo nell’alto medioevo. Si tratta di un altra uccisione di un altro drago o la leggenda si sovrappone?

Leggi l’articolo completo qui:

Il drago Tarantasio del lago Gerundo in Lombardia

Alto medioevo. Il monaco Sabbio nel 1110 scrisse la storia di Tarantasio il mostro del lago Gerundo che si nutriva di bambini e uomini. Il lago Gerundo è scomparso nel XIII secolo. La descrizione del mostro è quella di una creatura serpentiforme, la testa enorme con grandi corna e coda e zampe palmate, sputava fuoco dalla bocca e fumo dal naso come un drago. Il drago Tarantasio si nutriva sopratutto di bambini….

Buona lettura

Approfondimenti:

Visita la sezione del sito sulle Strane creature nel mondo

Scopri il libro “Le strane creature e i misteri in Italia e nel mondo” di Erika Di Cuonzo

Di seguito il BookTrailer sul canale YouTube di ChupaCabraMania.com. Il libro è disponibile su Amazon.

Le strane creature e i misteri in Italia e nel mondo (I misteri e le strane creature nel mondo e tanto altro) eBook : Di Cuonzo, Erika : Amazon.it: Libri

614 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
CreatureStrane creature terrestri

Nekomata il gatto a due code mutaforma giapponese

1 Min. lettura
Nekomata il gatto a due code mutaforma giapponese. Si tratta di un gatto insito nella mitologia in Giappone ostile e malvagio.
CreatureLe creature italianeStrane creature terrestri

La creatura di Alvignanello, le nuove foto e i video

6 Min. lettura
La creatura di Alvignanello, le nuove foto e i video del testimone Vincenzo Tufano.
CreatureCreature misteriose lacustriStrane creature terrestri

Silver Cat il gatto argentato in nord America

1 Min. lettura
Silver Cat il gatto argentato in nord America. Criptide o creatura leggendaria avvistato per la prima volta in nord America. Con la sua coda uncinata e chiodata trascina le vittime sugli alberi per poi divorarle.