ParanormaleUfo ed alieni, abduction

Il misterioso Caso Amicizia a Pescara. Gli alieni che mangiavano frutta.

3 Min. lettura

Il misterioso “Caso Amicizia” a Pescara. Gli alieni che mangiavano frutta.

Pescara

Nell’anno 1956 ha origine la nascita del “Caso Amicizia” a Pescara. Si tratta di uno dei più controversi casi del mondo ufologico ancora in fase di studio.

A Pescara si sono verificati fino al 1978 degli avvistamenti e contatti pacifici con forme di vita aliena noti come i W56.

Il nome “Caso Amicizia” è stato attribuito a questo evento ufologico perché si tratta di una vera e propria forma di amicizia tra un gruppo di persone e degli extraterrestri o alieni.

Questi incontri pacifici si sono svolti in un lasso temporale di 20 anni e le testimonianze al riguardo sono molte e precise. Ma non vi sono prove reali dei fatti descritti ma solo interviste e conferenze su questo caso.

Sono stati scritti anche dei libri su questo caso.

Il misterioso Caso Amicizia a Pesaro
Illustrazione navicella aliena . Foto di Stefan Keller da Pixabay

Chi sono gli alieni W56 noti come Akrij o Saggi secondo i testimoni?

Questi alieni avevano una conformazione fisica simile agli un esseri umani. Secondo i racconti dei testimoni questi alieni avrebbero affermato di chiamarsi Akrij o Saggi. Gli alieni in questione sono probabilmente dei pledaiani

Il testimone Gaspare De Lama.

Como.

Gaspare De Lama vive con la moglie Mirella Bergamini nei pressi del lago di Como e la loro testimonianza è molto chiara e ricca di particolari riguardo i Saggi. La coppia è dedita a dipingere e affermano che l’esperienza nel gruppo degli alieni ha cambiato loro la vita rendendoli molto più spirituali.

Gaspare De Lama afferma che questi alieni avevano all’epoca nel 1956 una base aliena a Pescara. Gli extraterrestri avrebbero detto di essere circa 200 e che circa il 5% degli avvistamenti ufo riguarda loro. L’uomo afferma che queste creature non erano affatto ostili, anzi manifestavano molto amore e umanità verso il Pianeta Terra che loro chiamavano amorevolmente “Il Pianeta Madre”.

I W56 dissero ai testimoni che tutti loro fanno parte di una Confederazione Galattica molto grande e articolata. Completamente vegetariani si nutrivano soprattutto di verdura e frutta.

Queste persone tra cui il signor Gaspare De Lama hanno raccontato di aver assistito a fenomeni altamente tecnologici.

Si tratta di fenomeni tecnologici tra l’altro non noti all’epoca dei fatti come la materializzazione e smaterializzazione del cibo e degli oggetti. Ad esempio frutta e acqua venivano chiesti agli umani che provvedevano con amore a procurarli.

Gli alieni prelevavano il cibo smaterializzandolo da camion in sosta senza che l’autista se ne accorgesse.

Il misterioso Caso Amicizia a Pesaro
Foto di un cesto di mele. Foto di lumix2004 da Pixabay

Il misterioso Caso Amicizia a Pescara. Gli alieni che mangiavano frutta.

Erano anche organizzati degli incontri su appuntamento in determinati luoghi. Gli alieni si mostravano con le loro navicelle o ufo. De Lama afferma di aver fotografato un loro mezzo di trasporto atterrato sulla sua abitazione.

Le astronavi dei W56 erano di diverse forme e dimensioni, ognuna aveva un suo ruolo. Alcune navicelle svolgevano la funzione di laboratorio altre erano mezzi da ricognizione.

I testimoni, circa dodici persone furono prescelte da questo gruppo di alieni e sarebbero state accolte nella cerchia delle amicizie degli extraterrestri.

De Gaspare racconta in varie interviste che che gli alieni sono creature in grado di muoversi tra le varie dimensioni e non sono viaggatori del tempo e sono in grado di comunicare telepaticamente e spostare oggetti con la sola forza del pensiero.

I W56 parlarono ai nuovi amici umani anche dei CTR o Contrari, gli alieni cattivi e pericolosi che era meglio non incontrare.

Il misterioso Caso Amicizia a Pescara. Gli alieni che mangiavano frutta.

La fine dell’amicizia uomini-alieni

I W56 sapevano già che non sarebbe stato possibile portare a lungo avanti un amicizia con gli esseri umani a causa della natura litigiosa umana. Ma non si arrabbiarono quando questo avvenne. Però molti loro amici umani morirono giovani e alcuni di loro ebbero seri problemi di salute mentale. Coincidenze? O forse si trattava di un fardello troppo pesante per la razza umana.

Questo è il motivo per cui gli extraterrestri non si rivelano ancora all’umanità. L’uomo non è pronto per conoscere il Sapere.

Le ipotesi.

Ufologi ipotizzano che forse le persone contattate da questi alieni noti come W56 potrebbero essere molte di più, forse centinaia. Ciò che lascia perplessi gli ufologi è che nel gruppo di persone che ha rilasciato testimonianze in merito vi sono figure di alto ceto sociale e culturalmente importanti e anche famose.

Dal momento che non ci sono prove reali il “Caso Amicizia” è stato definito leggenda.

Il caso si è macchiato di truffa. Alcuni amici degli alieni vendevano medicine definendole di natura aliena. Ai potenziali pazienti affermavano che le aveva date loro un medico alieno, truffando persone malate. Vi è stata una polemica su questo tema.

Il 1978 è stato un anno in cui vi sono numerosi avvistamenti Ufo al centro Italia tra cui globi luminosi nel mar Mediterraneo.

Conclusioni

Il caso Amicizia è stato definito un falso ma lo spazio per altre teorie rimane sempre.

Il video di ChupaCabraMania.com sul canale YouTube, Iscriviti!

Di seguito su YouTube un intervista ad uno dei principali testimoni del caso Gaspare De Lama

Su YouTube video Triangolo Adriatico che prende spunto dal caso Amicizia

Approfondimenti:

Visita la sezione del sito sul Paranormale in cui inoltre è trattato l’argomento ufo, alieni e rapimenti di persone.

530 articoli

About author
Il sito web che gestisce Di Cuonzo Erika si chiama ChupaCabraMania è un sito in cui ella raccoglie informazioni principalmente sul mostro sudamericano Chupacabra ed è stato creato per gioco nel 2006. Data la sua passione per il gli animali, tra cui le strane creature del mondo, l'interesse per il mondo del paranormale, ufo, alieni e varie curiosità Erika ha arricchito il sito con questi temi. Erika ha scritto un ebook nel 2005 sul chupacabra: chupacabra creatura mitologica o reale? La mia email è erikadik@tiscali.it
Articles
Articoli correlati
ParanormaleUfo ed alieni, abduction

Il Vaticano e gli incontri con alieni del Papa Buono

3 Min. lettura
Il Vaticano e gli incontri con alieni del Papa Buono, “Papa Giovanni XXIII” L’incontro tra Il Papa e un alieno umanoide.
I luoghi misteriosi e le scoperte più strane nel mondoParanormale

La Piligrèna e Halloween in Romagna, Italia

3 Min. lettura
Molto prima della nota ai più festività di Halloween durante la festa di Ognissanti in Romagna era usanza sistemare candele in zone poco illuminate note come Crocicchi ed anche all’interno di zucche e cocomeri di diverse dimensioni. In questa festa di origine cristiana tutti i Santi noti sono onorati. Lo scopo della luce era quello di tenere lontana la Pellegrina sopratutto dai bambini.
Le creature italianeParanormaleStrane creature e criptozoologiaStrane creature terrestri

Il Re dei folletti è il Mazapégul in Romagna, Italia

2 Min. lettura
Il Re dei folletti è il Mazapégul in Romagna, Italia Il folletto Mazapégul è il re dei folletti ma è anche un molestatore di donne in Romagna.