Attacca di nuovo "il Comelengua"

Misterioso animale ha fatto disastri tra il bestiame degli abitanti di Chontales

LA LIBERTAD, CHONTALES, Nicaragua

Venerdý 23 marzo 2007

Il misterioso animale battezzato dai produttori di Chontales come "El Comelengua"Ŕ ritornato nelle proprietÓ di La Libertad, e sta devastando il bestiame del contadino Isidoro LorÝo, fratello della sindachessa di quel comune, a cui sono giÓ state uccise 4 bellissime mucche da latte.

Lo strano animale non ha colpito solo i commercianti di bestiame di La Libertad, ma anche quelli della regione El Mono nella giurisdizione di San Pedro de Lˇvago, dove sono stati uccisi 10 capi.

Il vicemaggiore di quel comune AnÝbal Lazo, ha spiegato che l'animale misterioso prende solo la lingua dal bestiame provocando la loro morte in pochi minuti e non lascia alcuna traccia del suo passaggio.

La carne non pu˛ essere consumata

Anni prima, quando "Il Comelengua" ha incominciato a diventare "famoso" i commercianti chiesero agli specialisti del MagFor se la carne degli animali uccisi poteva essere mangiata, e non avendo numerosi informazioni riguado a questo "divoratore", fu proibito il consumo di questa carne.

La preoccupazione Ŕ ritornata tra i commercianti, perchŔ quello strano animale infligge numerosi danni economici al loro settore di bestiame nella zona, che si trova in mezzo a delle difficoltÓ e che in compenso Ŕ riuscito a far migliorare i recinti del bestiame.

Gli studi in materia non sono riusciti a determinare se in realtÓ questo animale esiste, o se si tratta di una malattia cha infetta la lingua dei capi di bestiame.

Pi¨ di una persona ha suggerito che si potrebbe trattare del mitico Chupacabras, ma nessuno ha potuto chiarire i fatti.

Fonte:elnuevodiario.com.ni

Attenzione: Vietata la riproduzione, anche parziale degli articoli presenti nel sito senza l'autorizzazione del webmaster. Per informazioni scrivere QUI.

Collabora anche tu!

Se hai un articolo scritto da te, di tuo pugno, privo di copia incolla o comunque con l'indicazione della fonte invialo al webmaster che lo esaminera' e potrÓ pubblicarlo in questo sito. Grazie.

Commenta l'articolo